SAMHAIN E L’OSCURITA’

Samhain e l’oscurità

 

In questo tempo dell’inizio dell’oscurità, la manifestazione della Dea Madre nel suo aspetto “Crona” saggia/vecchia/strega, colei che regna sull’oscurità, la decadenza e la morte pervade ogni cosa.

 

Attraversiamo questa fase dell’anno il 31 Ottobre varcando la soglia-porta simbolicamente rappresentata dalla vulva di Sheela na Gin protettrice e guardiana dei passaggi del mondo oltre la vita.

 

 

La Crona

 Questo periodo se accompagnato dalla figura archetipale della Crona TI PERMETTE  di affrontare l’Ombra con maggiori risorse, per trasformare rigenerare e rinascere.

 

 L’incontro con la “Madre Oscura” offre l’opportunità di scoprire il potere  di un contatto profondo con la propria ombra. Ricorda che ogni cosa materiale  ha una fine, anche il ns corpo un giorno morirà.

 

 Seguire i cicli della natura aiuta le persone a sviluppare un contatto reale con la vita e i suoi mutamenti, riducendo l’attaccamento alla materia , le aiuta a lasciar andare quello che è giunto alla fine o morto, a non aver paura, perché anche la fine non è per sempre, e ci rende pronti per un nuovo inizio in una dimensione spirituale o una rinascita materiale.

I ns avi più attenti e a contatto stretto con la natura conoscevano bene questi cicli. 

Nella tradizione celtica  il volto della crona veniva scolpito nella zucca svuotata al cui centro veniva messa la luce per farla risplendere nell’oscurità.

Sheela na Gin é  la rappresentazione più antica della dea che si conosce scolpita sulla pietra veniva esposta come protezione dal male,  essa ci protegge anche da noi stesse e dal ns bisogno malato di amore, quando ci snaturiamo per tenerci un uomo accanto che non ci rispetta e quando non ci rendiamo conto di come  contribuiamo a creare la ns infelicità.

Rituali

Una pratica buona per questa notte o per questo periodo è disegnare, modellare o scolpire l’immagine di questa dea e soprattutto ti consiglio di fare questa meditazione :

 visualizzati mentre  mediti di essere  al centro della vulva di sheela na Gin  lascia che tutte le tue paure vadano via dal  corpo dal cuore e dall’anima, consegna alla Dea oscura quello che hai lasciato.

 Mentre ti visualizzi nel centro della sua vulva, ripensi mentalmente alle ferite, alle delusioni, alle ansie fino a quando non le hai lasciate andare completamente. Chiedi aiuto alla dea affinché se le prenda. 

Finita questa parte di rilascio, preparati a rinascere  rigenerata e trasformata da questa esperienza protetta da Sheela “la femmina sacra” chiedi che ti venga data nuova vita…. 

Puoi accompagnare questa pratica con sottofondo di canti e musiche rilassanti e terminare con una musica allegra e piena di gioia per la rinascita.

Se ti è piaciuto questo  rituale, ricordati di condividere sui social,  grazie!

Add A Comment